Continua da questo articolo.

Parlavamo di NFT e di arte digitale, dopo che Christie’s ha iniziato a sdoganarli per il commercio delle opere d’arte.
Gli NFT sono una nuova tecnologia in grado di garantire al singolo pezzo d’arte una sorta di certificato di autenticità. Oltre al doveroso riconoscimento all’artista di un corrispettivo per la propria opera, c’è un altro aspetto molto interessante.

Le royalties nell’arte digitale

L’artista digitale può infatti impostare questo certificato in modo da ricevere delle royalties a ogni nuova transazione dell’opera.

Questa è una novità molto interessante perché esula dal contratto economico con impresario o manager d’arte, che una volta acquistata l’opera d’arte per la prima volta, la rivalutano spesso a prezzi molto più elevati dell’originario.

Non è chiaramente sempre così, ma dipende da come viene gestita questa tecnologia.

Un’arte decentrata

Un vantaggio consistente della blockchain è quello di essere decentralizzata.

Questo l’ha resa una tecnologia molto minacciosa per i grandi istituti di credito, soprattutto alla nascita della criptovaluta Bitcoin.

Infatti, queste transazioni non vengono garantite da un intermediario e non possono essere modificabili. La blockchain garantisce che tutti gli utenti che si iscrivono alla rete abbiano piena visibilità di tutte le transazioni.

Se si desidera mantenere la propria identità anonima, si può, ma si verrà sempre e comunque identificati da un determinato “blocco” di codice.

Un esempio pratico

In sostanza, chi andrà a vedere la riproduzione digitale della Vergine delle Rocce di Leonardo da Vinci, potrà accedere a una stringa di codice che indica il primo proprietario, il certificato di autenticità e tutte le transazioni successive.

Sebbene non si comprenda interamente la necessità di distribuire su un gruppo di utenti la visibilità di queste transazioni, il processo rimane interessante.

Sviluppi futuri

Tra gli sviluppi futuri che avrebbe senso fare si potrebbe inserire una valutazione da parte di un organismo di critica d’arte.

Questo esulerebbe dalle leggi del libero mercato ma renderebbe l’opera d’arte, in un certo qual senso, appartenente a una rete quindi maggiormente valutata e controllabile.

Uno dei rischi più grandi che intravedo – che già si sta verificando – è che ogni cosa diventi un oggetto d’arte, semplicemente perché il proprietario è in grado di venderla a una somma considerevole a chiunque sia disponibile a spendere i propri soldi online.

Già siamo di fronte a un mercimonio di opere che vengono definite “d’arte”. Potrebbe essere che siamo di fronte alla definitiva crisi dell’arte contemporanea?

Oggi vorrei parlare del processo dell’arte digitale verso una più sicura e condivisa certificazione di autenticità. 

La infinita riproducibilità tecnica delle opere digitali

Primo presupposto: uno dei problemi principali delle opere d’arte in formato digitale è, come diceva Walter Benjamin, l’infinita riproducibilità tecnica.

Se nell’antichità per riconoscere un falsario serviva un critico d’arte o un esperto di materiali, che potesse eventualmente sbugiardare la contraffazione, con l’opera d’arte digitale il discorso è più complesso. 

Il processo di certificazione dell’arte digitale

Molto spesso infatti basta salvare un’immagine che si vede online per averne una copia perfettamente conforme all’interno del proprio computer. 

Di fronte a questa considerazione abbastanza semplice possiamo capire perché la nota casa d’arte Christie’s abbia iniziato a mettere in vendita NFT di opere d’arte digitali. 

Cosa sono gli NFT

Gli NFT sono non fungible tokens, ovvero una tecnologia in grado di conservare in una piattaforma pubblicamente accessibile tutti i dati sulla transazione di una determinata immagine. 

Mi rendo conto che detta così significhi poco, quindi facciamo un esempio pratico. 

Un artista digitale crea un’animazione 3D che vuole vendere come opera d’arte digitale.  

Per poterlo fare è necessario che acceda a un’apposita piattaforma in grado di fornirgli un NFT. Questo NFT è il corrispettivo digitale di un certificato di originalità.

Attraverso questa stessa piattaforma, grazie alla tecnologia blockchain, questo oggetto può essere messo all’asta e comprato pubblicamente. 

In futuro, chi vorrà a sua volta acquistare questo oggetto potrà essere consapevole dei passaggi che l’opera ha fatto di mano in mano, e attraverso la tecnologia giusta si può anche risalire alla proprietà dell’opera, come anche a chi ne detiene diritti. 

È evidente che una scoperta simile ha completamente rivoluzionato il concetto di riproducibilità tecnica dell’opera d’arte, perché assegna a una sola opera la caratteristica di autenticità. 

Il potenziale della tecnologia blockchain

Il potenziale della tecnologia blockchain sembra in grado ancora una volta di stupirci.

Ma al di là dell’applicazione per garantire l’ autenticità, ci sono anche altri aspetti interessanti degli NFT, come vedremo nei prossimi articoletti.

Tutti conosciamo la storia di Edipo e alcuni di noi hanno anche avuto la fortuna/sfortuna di incontrare le più disparate interpretazioni della stessa.

L’interpretazione di Frazer del mito di Edipo

Parlo molto vagamente in questo articolo delle interpretazioni che l’antropologia o la psicologia hanno trovato del mito edipico; qui vi dico anche che secondo me quella di Frazer è la più vicina al modo di interpretare la realtà che hanno i Greci della Grecia classica. 

Il succo dell’interpretazione di Frazer è che la storia di Edipo è collegata al personaggio del Re Sacro. 

Quando un re sacro perde il suo potere, la terra diventa sterile. Scoppiano pestilenze nel bestiame e tra gli uomini. A questo punto è necessario o uccidere il re o sacrificare in sua vece una vittima che lo rappresenti e che accolga su di  tutte le impurità.

Il farmaco

In greco questa figura si chiama “farmacòs”, che significa anche “avvelenatore”, e consente di liberare dalle impurità tutte le persone della comunità.

Come ben sappiamo il capro espiatorio alla fine viene ucciso o allontanato dalla comunità. 

Se scegliamo di aderire a questa interpretazione del mito dell’Edipo, possiamo immaginare che Sofocle abbia nascosto nella vicenda di Edipo questa antichissima credenza religiosa.

Il doppio ruolo del protagonista è quello sia di capro espiatorio sia di re, e questo contribuisce ad aumentarne l’intrinseca tragicità. 

Quello che aggrava ancora di più la situazione è che Edipo è stato anche il sacrificatore del re precedente (suo padre) diventandone il successore.

Inoltre, con il proprio auto accecamento ha consegnato la città a un destino migliore, il prossimo re, caricando su di i suoi stessi peccati. 

Vediamo quindi che l’interpretazione interessante del sacrificio del re è un po’ vaga, In più, non tiene conto del fatto che i peccati della città sono in realtà causati dallo stesso Edipo. 

A questo punto verrebbe da chiedersi: ma le interpretazioni dei critici hanno attinenza con la trama o iniziano da vaghe speculazioni suggestive e lontanamente inerenti alla vera storia narrata? 

Non lo sapremo mai. Resta che il mito di Edipo è molto affascinante anche perché suscita molte interpretazioni diverse, anche a un contemporaneo. Come tutte le opere di vera Letteratura, è eterna. 

L’Edipo re è tra le tragedie classiche una di quelle che hanno suscitato maggiore interesse.

Dalla psicanalisi all’antropologia

Analizzato da scienze ignote all’archeologia, come la psicanalisi e l’antropologia, Edipo è un personaggio carico di simboli diversi. 

Pensiamo ad esempio a Freud, che cerca di comprendere il vero significato del nome Edipo. Letteralmente significa “colui che ha i piedi gonfi” oppure “colui che conosce i piedi”.

Si parla di due diversi momenti della sua storia: l’esposizione in seguito alla nascita, dopo che gli sono stati forati i piedi, mentre il secondo episodio è la soluzione all’enigma della Sfinge riguardo all’essere misterioso che nasce su quattro zampe cresce con due e prima di morire ne ha tre.

Cieco per mano propria

Ugualmente, si è molto parlato dell’auto accecamento di Edipo e della terribile simbologia che vi può essere collegata: autopunizione, autocastrazione e chi più ne ha più ne metta.

Ma per noi è veramente molto difficile immaginare un tragediografo del quinto secolo a.C. come Sofocle che si mette ad arzigogolare sui significati simbolici e gli omaggi che possono celarsi dietro un nome collegato in qualche modo al patrimonio di racconti nazionale.

Si tratta  di opere d’intrattenimento che hanno una certa caratura simbolica, come era normale nella maggior parte delle opere del periodo. Però non possiamo non pensare che la finalità principale di questa tragedia fosse intrattenere un pubblico e ricordargli delle vicende che forse remotamente già conosceva.

Non voglio peccare di empietà e nemmeno scomporre i classicisti in sala. Ovviamente non considero l’Edipo come una fiaba della buonanotte, anche perché come fiaba risulterebbe piuttosto horror. 

Quindi, cosa salviamo della mastodontica critica che è stata fatta di Edipo? A mio parere, la sua figura di capro espiatorio. 

L’interpretazione di Frazer sembra quella più vicina al modo di pensare dei greci. Ma ne parlerò nel prossimo episodio. 

(Continua) 

 

Nell’ultimo articolo Ci siamo chiesti: L’aria è davvero più pulita dopo quasi un anno di restrizioni anti-Covid? 

Delfini e paperelle a parte, la risposta è: non sempre.

Dopo aver visto la Lombardia, proseguiamo quindi con le altre regioni d’Italia.

Veneto

In Veneto, secondo Arpa, non c’è stato nessun superamento del valore limite annuale di diossido d’azoto e tendenzialmente le concentrazioni sono diminuite rispetto ai 3 anni precedenti. Le pm10 non hanno superato i livelli consentiti, come anche il particolato.

Invece il valore limite giornaliero delle pm10 è stato rispettato solo in 8 centraline, tutte nella zona Pedemontana o Montana in Val Belluna, aumentando invece su scala regionale. 

I valori di PM 2.5 sono stati rispettati come valori medi annui, ma si sono verificate concentrazioni tendenzialmente più elevate, se le paragoniamo con quelle dei 2 anni precedenti.

Emilia-Romagna

L’arpa Emilia-Romagna invece rileva che nel 2020 quasi tutti gli inquinanti sono stati analoghi a quelli osservati nel 2019, a fronte di condizioni meteorologiche sfavorevoli rispetto all’anno precedente. 

Piemonte

In Piemonte si è rilevata molto più chiaramente rispetto ad altre zone la correlazione degli inquinanti e attività antropiche: abbiamo quindi una variazione continua di benzene, toluene e xilene, e gli inquinanti legati al traffico veicolare.

 

Questi risultati si verificano in realtà in tutto il mondo.

Come rivela un famoso studio dell’università di Birmingham, i cambiamenti delle emissioni nell’aria associati ai primi lockdown hanno sì portato a una modifica dei livelli di inquinamento, ma l’impatto globale sulla qualità dell’aria è stato inferiore al previsto.

Il diossido d’azoto ha comunque visto una riduzione globale e sembra che siamo in linea con i valori indicati dall’organizzazione Mondiale della sanità, anche se l’aumento dell’ozono è piuttosto preoccupante in quanto riduttivo dei benefici della riduzione del primo. 

Insomma, conviene tenere ancora per un po’ la mascherina ben salda sul naso e la bocca!


A quasi un anno dall’inizio del lockdown, possiamo dire che l’ozono si è ridotto, la green economy funziona, l’aria è più pulita e i polpi son tornati alle nostre spiagge?

Aria più pulita?

Ora, non possiamo negare che la discesa di diversi animali selvatici nelle fontane e nelle aiuole delle nostre città sia avvenuta, e questo è sotto gli occhi di tutti.

Chi non ha visto le foto dei delfini al largo di Venezia, i cinghiali e i caprioli che entravano nei giardini privati, e non solo nei paesi pedemontani?

Però, purtroppo, per quanto riguarda la salute dell’aria non si distingue chiaramente un calo dello smog dal 2020 al 2019.

I valori 

Il traffico è sicuramente calato durante i due lockdown e si è ridotto l’inquinamento da ossidi di azoto dei motori a gasolio. Però, è cresciuto l’inquinamento da ozono troposferico, e sono anche cresciute le emissioni da collegare ai riscaldamenti domestici.

La Lombardia

Le notizie sono però buone per la Lombardia, dove secondo un’indagine basata sul bilancio 2020 di Arpa Lombardia, i livelli di biossido di azoto sono decisamente bassi rispetto all’anno precedente.

Invece i valori di pm10 superano nel 2020 i limiti sul numero massimo di giorni oltre la soglia di 50 microgrammi su metro cubo d’aria. Il benzene, monossido di carbonio e infine il biossido di zolfo rimangono sotto i limiti.

Ricorda: per poter capire questi dati serve avere un quadro generale, quindi la media annuale, ma serve anche considerare lo sforamento delle singole stazioni.
Alcune zone sono, come è evidente, più soggette di altre all’inquinamento, e alcuni tipi di inquinamento, come quelli della logistica, impattano in modo più deciso rispetto ad altri in alcuni contesti.

Poi, non dobbiamo dimenticarci il fattore meteo: basta una giornata di vento forte per eliminare la maggior parte delle polveri sottili e degli inquinanti, il che rende l’analisi della media utile ma non verità assoluta.
In un prossimo post vorrei parlare in breve delle altre regioni italiane.
Intanto, su la mascherina!

Come da piccoli si attende la fine dei sogni disturbanti, sento intorno a me molta attesa per questa fine dell’anno 2020 e inizio del nuovo anno.

Porterà con sé una ventata di cambiamento? Ci farà davvero fare il punto su quanto di prezioso l’introspezione, lo studio personale e la cultura ci riservano?

O piuttosto, sarà solo l’ennesima occasione per aumentare le disparità sociali e per dare uno scossone che renderà malferma l’economia nazionale?

Nel corso dell’anno ho toccato argomenti anche un po’ azzardati, come le bombe sull’Iran e il relativo danneggiamento di alcuni siti archeologici, ma anche ( più di recente) il grande mistero della Corea del Nord, stato a volte molto rumoroso, a volte decisamente silente. 

Un giallo del mondo della storia dell’arte ha poi assorbito tutte la mie energie: parlo del Klimt disperso, ritrovato a Piacenza dietro un muro.

Non poteva mancare un accenno all’impatto del Coronavirus, in particolare sulla Banca Centrale cinese e sul posticipo di diverse fiere ed esposizioni internazionali, seguito a distanza stretta da una piccola rassegna creata da me sull’impatto delle epidemie nella società umana. Il debito pubblico italiano non poteva mancare in questo contesto assai poco leggero e piuttosto analitico, ma capitemi, era un periodo un po’ insolito.

La riapertura dei musei è stata poi il grande trend da maggio in poi, anche se la gioia per la ritrovata cultura sarebbe durata assai poco. Comunque, ci sono state diverse parentesi positive, tra cui le visite ai musei nel 2019, non così poche come ci si sarebbe potuti aspettare. 

Alcuni eventi divertenti hanno scandito questi dossier, tra cui il divertente episodio della conferenza “I Borbone, processo a Isernia“.

Tra Dickens e l’ebook contro il libro cartaceo, l’anno si conclude in un attimo.

Confido che il prossimo sia meno burrascoso e foriero di interessanti novità.

Buone feste!

Paolo Giorgio Bassi

Come possiamo far quadrare la discussione sulle responsabilità politiche di un artista con l’idea che l’arte dovrebbe comportare una fuga dalla politica?

Questo “lathe biosas”, come lo chiamavano gli epicurei, è ben più vicino oggi al concetto, assai poco nobilitante, di zona di comfort (“comfort zone”).

Il pensiero può essere espresso in due modi diversi: il processo di creazione dell’arte potrebbe essere visto come uno spazio che deve essere separato dalla politica, o l’opera d’arte stessa potrebbe essere considerata come se parlasse un linguaggio diverso, o affrontasse argomenti diversi; in entrambi i casi avvicinare l’arte alla politica potrebbe sembrare minacciare qualcosa di fondamentale sulla pratica dell’arte.

Questa tesi non è la stessa dell’affermazione semplicistica (espressa al lancio e-flux di ‘For Machine Use Only’ a New York nel dicembre 2016) che ogni riferimento all’essere politica dell’arte è una scivolata verso lo stalinismo.

Ma implica un’insistenza sul fatto che l’arte dovrebbe, in qualche senso significativo, essere tenuta distinta dalla politica (almeno da alcune forme di politica).

Quella separazione tra arte e politica potrebbe essere un mezzo per far sì che l’arte veda alternative politiche o rappresenti l’ingiustizia, o potrebbe essere un fine politicamente importante in sé – un modo per allontanarsi dal vortice disordinato della politica e resistere ad esso e rifugiarsi nella propria zona di comfort; per creare uno spazio di libertà del tipo discusso da Hannah Arendt e Ariella Azoulay.

L’arte della crudeltà e la zona di comfort

Una variante di questa tesi è delineata da Maggie Nelson nel suo libro del 2011, The Art of Cruelty. Nelson attinge al principio di emancipazione di Jacques Ranciere: che “l’arte è emancipata ed emancipante … quando [essa] smette di volerci emancipare”. Da questo punto di vista, l’arte non dovrebbe esplicitamente prefiggersi di rappresentare l’ingiustizia, costruire comunità o seminare alternative politiche (anche se, probabilmente, questo non preclude agli osservatori di sottolineare che l’arte può avere queste conseguenze). Nelson sviluppa il punto con riferimento all’arte che rappresenta la crudeltà. Per lei, “quando le cose vanno bene con il fare e il vedere l’arte, l’arte non dice o insegna davvero nulla”. Resiste all’idea che l’arte possa dire “la verità” dei nostri tempi: “L’artista che sta coraggiosamente di fronte alla (scomoda, brutale, duramente conquistata, pericolosa, offensiva verità) … – cosa potrebbe essere più eroico? chiede Nelson.

Ma dovremmo essere più a nostro agio con l’idea che l’arte non può dirci “come stanno le cose”, ma invece può solo darci “le notizie irregolari, transitorie e talvolta indesiderate di come sia essere un altro essere umano”. I punti di Ranciere e Nelson ci allontanano un po’ dall’arte come fuga, o rifugio sicuro; ma sono collegati.

Suggeriscono che ciò che l’arte può fare è produrre intuizioni singolari sull’esperienza umana, e che dovremmo riconoscere che l’arte è al suo meglio quando cerca queste intuizioni, ed è cauta nel fare la grande teorizzazione generale che è abituale nella scrittura e nell’azione politica.

L’arte come rifugio

È importante che questa tesi sulla capacità dell’arte di essere un rifugio sicuro dalla politica non faccia l’assunzione ingenua che l’arte possa essere apolitica. La politica penetra nei nostri pori, e satura la società, ovunque ci troviamo (e anche quando miriamo a stare in disparte dalla società): attraverso la nostra educazione, attraverso gli spettacoli della pubblicità e dei media a cui è difficile sfuggire, attraverso i registri e la sostanza delle nostre interazioni quotidiane con gli altri, online e offline. Anche l’arte prodotta in uno spazio lontano dalla politica non può non essere influenzata da un qualche tipo di costume politico. Tuttavia, finché si resiste a questo impulso depoliticizzante, rimane possibile per l’arte aspirare a essere distinta dai vari sviluppi politici. Questa posizione è importante quando probabilmente il bisogno di un pensiero critico indipendente non è mai stato così grande.

Si vede che sono cresciuto negli anni ’70, vero?

Sono profondamente convinto, come ho già enunciato in precedenza parlando del rapporto tra arte e politica, che la prima abbia un ruol decisivo sullo svilupparsi e sull’interpretazione della seconda. Con i debiti distinguo e differenziazioni di contesto.

Arte che crea le correnti politiche

Oltre a documentare l’ingiustizia e a costruire comunità, l’arte può dirigersi verso nuove idee politiche, soluzioni e priorità.

Questa prospettiva, che l’arte può seminare alternative politiche, è stata espressa anche nel periodo precedente l’elezione di Trump e nel periodo successivo all’8 novembre.
Queste alternative politiche, abbozzate attraverso l’arte, possono essere più o meno formate. Mira Dayal offre una versione di questa tesi in un breve contributo a ‘The Air Sheets’, una pubblicazione di Sorry Archive, uscita nel dicembre 2016 “come risposta diretta all’inquietudine e all’apprensione del mese scorso”.

Scrive Dayal: “Dopo le elezioni, sono andato nel mio studio con l’intenzione di fare un lavoro che potesse trasmettere disgusto e nausea.” Il suo lavoro, che utilizza frutta in decomposizione e vaselina, e i suoi effetti, sembra richiedere una maggiore attenzione politica sull’affetto, l’emozione e il viscerale come sfida al liberalismo arido e sociopatico che ha a lungo dominato il pensiero politico della sinistra.

Questa nozione, a cui Dayal allude, che il pensiero politico dovrebbe essere radicato maggiormente nei sentimenti, è stata ripresa da attivisti e teorici all’indomani dell’elezione di Trump, che hanno chiesto una politica che abbracci la rabbia, l’empatia e l’amore.

Il Manifesto di Julian Rosefeldt

Un promemoria più didattico del potere dell’arte di contribuire a nuove visioni politiche si trova nel ‘Manifesto’ di Julian Rosefeldt, esposto a New York, Berlino e altrove nel corso del 2016.

Lo spettacolo presenta Cate Blanchett in diverse vesti e identità, tra cui un funerale e un’insegnante, che recita manifesti d’artista su 13 schermi diversi. Il turbinio di suoni, colori e parole che si sperimenta quando si guarda “Manifesto” è un’indicazione dell’energia intellettuale che l’arte può produrre.

E le parole articolate dalla Blanchett – dai futuristi, dai dadaisti e da altri – mostrano l’ambizione di tensione degli artisti nel passato, lasciando aperta la questione se gli artisti debbano reclamare tale ambizione nel nostro presente politico controverso.

Il conflitto con il Capitale

L’Hamburger Bahnhof’s ‘Capital: Debito, Territorio, Utopia’, esposta da luglio a novembre 2016, rappresenta un’altra iterazione del modo in cui l’arte può seminare alternative politiche. La vasta collezione di video, sculture, dipinti e altre forme richiama l’attenzione sulla centralità del debito nel nostro tempo. Una serie di teorici – dall’antropologo e attivista David Graeber, all’economista Adair Turner – hanno iniziato a concentrarsi sul debito privato negli ultimi anni, con l’emergere di prove dei legami tra alti livelli di debito privato e crisi finanziarie, e Mauricio Lazzarato nel suo libro Governed by Debt che pone le basi intellettuali per vedere “gli indebitati” come il nuovo proletariato.

La mostra dell’Hamburger Bahnhof indirizza una maggiore attenzione a questo problema dell’indebitamento. Sottolinea anche che il processo di creazione dell’arte e l’atto di espressione creativa – su argomenti come il debito – potrebbero essere essi stessi atti politici. Nelle parole di Joseph Beuys, riprese nella mostra, “il concetto di creatività è un concetto che riguarda la libertà e allo stesso tempo si riferisce alla capacità umana”.

Non solo poeti

C’è una certa somiglianza tra il posto degli artisti in questa impresa e il ruolo dei poeti nel dare voce agli sviluppi politici emergenti. Il poeta Don Share ha detto dopo le elezioni americane in un’intervista su The Atlantic che “una delle cose in cui la poesia è davvero brava è anticipare le cose che hanno bisogno di essere discusse”. Share ha osservato: “I poeti sono un po’ come … canarini in una miniera di carbone. Hanno un senso per le cose che sono nell’aria”. Lo stesso si potrebbe dire degli artisti – che sono canarini nella nostra miniera collettiva – con le opere del 2016 di Dayal e Rosefeldt, e la mostra Hamburger Bahnhof, dimostrando come gli artisti possano giocare questo ruolo d’avanguardia nel seminare alternative politiche, sia attraverso l’adozione di un nuovo approccio alla politica (basato sull’affetto), sia attraverso la definizione di manifesti, o evidenziando un particolare problema politico (come l’indebitamento).

L’arte può riunire le persone, intorno alle aperture delle gallerie, agli eventi e alle discussioni. C’è l’idea che le comunità create dall’arte possono avere un potenziale politico, e che di conseguenza artisti e curatori dovrebbero lavorare per creare e rafforzare le comunità artistiche.

Arte e comunità politica: un’introduzione

Le pubblicazioni d’arte e le gallerie hanno aperto le loro porte al pubblico all’indomani dell’elezione di Trump, allo stesso modo in cui le case editrici (come Verso Books) hanno mostrato una rinnovata energia e urgenza nell’organizzare eventi. Si potrebbero citare numerosi esempi, ma gli eventi e-flux a New York – compreso il doppio lancio di libri sulle macchine e sull’intersoggettività a dicembre – hanno comportato discussioni particolarmente esplicite sul valore della comunità artistica per i progetti politici.

Le università statunitensi

Anche i dipartimenti artistici delle università si sono mobilitati, e forse sono stati più disposti a parlare in termini esplicitamente ideologici: un caso interessante è il simposio di un giorno della New York University a dicembre su “Sense of Emergency: Politics, Aesthetics, and Trumpism’, organizzato da Andrew Weiner, che ha riunito attivisti, teorici dell’arte, artisti e altri.

Facciamo qualche distinguo

Sono necessarie alcune note su questo impulso verso la costruzione di comunità. C’è il rischio che la corsa alla costruzione di collettivi avvenga senza lo sviluppo di un quadro di riferimento per la comprensione di eventi o azioni, e senza una sufficiente riflessione critica su chi è incluso all’interno della ‘comunità’ e chi è escluso.

In un brillante saggio pubblicato su thetowner.com dopo l’elezione di Trump, Elvia Wilk invita coloro che lavorano nell’arte contemporanea – molti dei quali fanno parte della “famigerata classe culturale internazionale” – a porsi queste domande critiche. “Abbiamo bisogno di costruire e mantenere reti di sostegno”, scrive Wilk.

Tuttavia, continua, “se stiamo facendo riunioni su ciò che possiamo fare, dovremmo prima di tutto usarle per discutere su chi siamo.

Quali voci mancano nei nostri spazi? Più avanti nel saggio commenta l’esclusiva mancanza di radici di gran parte della comunità artistica: “Esistiamo in sacche di aree per lo più urbane, e queste sacche si collegano direttamente ad altre sacche tramite viaggi e wifi, con un insieme spesso uniforme di principi culturali e gerarchie che si estendono attraverso di esse”. Ritornerò su alcune di queste contraddizioni della comunità artistica più avanti, quando si discuterà della complicità dell’arte nell’oppressione.
Se queste conversazioni critiche vengono avviate nello stesso momento in cui si cerca di consolidare la comunità, sembrerebbe che incontri del tipo descritto possano essere interventi politici significativi, nel nostro mondo di capitalismo avanzato il cui obiettivo rimane – nelle parole di Guy Debord – “ristrutturare la società senza comunità”.

Per lo meno, se gli eventi e le discussioni possono essere organizzati in uno spirito di calore e di solidarietà, potremmo vedere il sorgere di quella comunità a cui Giorgio Agamben alludeva una volta in modo ellittico.